LIVET E CONFINDUSTRIA PRESENTANO IL PRIMO WORKSHOP SUL COMFORT 20100719

19/07/2010 - clivet e confindustria: 1° workshop

La tecnologia delle pompe di calore, fortemente sostenuta dalla Comunità Europea e dall’Autorità per l’Energia  Elettrica ed il Gas al centro dell’evento promosso da Confindustria Belluno Dolomiti e Clivet, che il 15 luglio ha aperto le porte dei propri stabilimenti.

Facendo seguito al grande interesse suscitato dall’innovativo incontro con tutta la filiera del 21 maggio, il 15 luglio 2010 Clivet ha aperto le porte dei propri stabilimenti a Confindustria in un incontro che ha visto coinvolti il Presidente di Confindustria Veneto Andrea Tomat e il Presidente di Confindustria Belluno Dolomiti Valentino Vascellari, nonché i rappresentanti delle principali associazioni di categoria e numerose industrie bellunesi.

Con il workshop teorico-pratico “GIA’ OGGI ESISTONO LE CONOSCENZE ED I MEZZI PER OTTENERE TUTTO CIO’ CHE SERVE ALL’UMANITA’, CON MAGGIORE EFFICIENZA, RISPARMIANDO ENERGIA E UTILIZZANDO FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE”, Confindustria Belluno Dolomiti, nell’ambito del progetto di valorizzazione delle industrie locali impegnate in un piano di sviluppo sostenibile globale “Think Global Act Local”, ha voluto accendere i riflettori su Clivet, una realtà che ha saputo impostare un modello durevole di sviluppo di sistemi e applicazioni, centrando in anticipo i trend del mercato futuro.
CLIVET da oltre 20 anni propone ai propri clienti soluzioni per il riscaldamento, il condizionamento, il rinnovo e la purificazione dell’aria, puntando sui sistemi in pompa di calore, basati sui principi della green economy, che garantiscono risparmi di energia primaria nell’ordine del 50% rispetto alle soluzioni tradizionali che utilizzano gas naturale o gasolio.
Grazie a queste soluzioni, l’azienda bellunese è oggi tra i primi tre costruttori a livello italiano nel settore della climatizzazione e del riscaldamento per il terziario che utilizzano la tecnologia della pompa di calore, tecnologia che nel 2009 è stata definitivamente introdotta all’interno della direttiva RES (Renewable Energies Sources Directive 2009/28/CE), dando il via ad una rivoluzione del settore del condizionamento e del riscaldamento che per il Veneto avrà un risvolto occupazionale di tutto rispetto.