MIPIM Cannes premia Fondazione Feltrinelli

mipim cannes premia fondazione feltrinelli

Milano

Clivet ha contribuito all’ottenimento della certificazione LEED di questo edificio con le sue pompe di calore multifunzione alimentate da acqua di falda.


La fondazione Feltrinelli, edificio disegnato da Herzog & De Meuron, ospita a Milano la Fondazione e gli uffici di Microsoft in zona Porta Volta. Il nuovo quartier generale della Fondazione contiene un archivio con 200mila volumi, 17.500 collezioni periodiche e un milione e mezzo di carte manoscritte e vuole diventare uno spazio di cittadinanza attiva, anche grazie alla caffetteria e alla sala eventi. Per la costruzione di questa particolarissima struttura Holcim ha dovuto affrontare una vera sfida per rispondere alle particolari richieste del cliente, sia in termini di durabilità dei materiali sia di estetica dei manufatti. La soluzione è stata vincente sotto tutti i punti di vista, incluso il ritiro igrometrico. Oltre 18.000 mc di calcestruzzo in particolare con agenti espansivi per i solai e i ballatoi (si tratta di strutture molto lunghe di circa 40 mt) e antiritiro per i pavimenti.
L’edificio è all’avanguardia per quanto riguarda il rispetto delle norme sul contenimento del consumo energetico, ed è anche un connubio di tecnologia e innovazione smart.


A causa dei molteplici criteri architettonici da adottare, la realizzazione dell’impiantistica ha subito molteplici influenze e vincoli, ma la tecnologia a pompa di calore di Clivet ha permesso di aggirarli, arrivando a garantire all’intero palazzo efficienza energetica B. Il sistema a pompa di calore sfrutta l’energia dalle fonti rinnovabili, per offrire calore (o climatizzazione) e acqua calda, sia agli edifici di tipo domestico che ad uso non residenziale. La fonte primaria è quella solare, ma essendo Milano una città ricca di acqua freatica, il modo migliore per ottenere il massimo dall’impianto, era quello di fare affidamento sulle risorse già presenti, ovvero su una fonte energetica indiretta, con un notevole risparmio in fatto di tempi e costi. Con le pompe di calore Clivet è stato possibile riscaldare e al tempo stesso rinfrescare aree diverse della struttura, che essendo disposte secondo assi differenti, hanno anche esigenze diverse. Il palazzo della Fondazione Feltrinelli si sviluppa infatti su una superficie molto ampia con estensione su tutti e quattro i punti cardinali. Quattro tubi sono stati sufficienti per realizzare l’intero impianto, mentre la centralina, realizzata con pompe di calore multifunzione condensate ad acqua, si compone di un refrigeratore e di una pompa di calore per la produzione di acqua calda a uso sanitario, per far fronte ai picchi di consumo che caratterizzano la stagione estiva, senza causare cali produttivi. Per il ricircolo dell’aria, sono state utilizzate delle unità dette ventilconvettori, apparecchi che vengono utilizzati nelle installazioni a soffitto. In questo caso però, i ventilconvettori sono stati incassati nel pavimento, dato che la scelta degli architetti è stata quella di mantenere il cemento armato a vista, e che l’edificio si caratterizza anche per ampie superfici vetrate e facciate inclinate.


Continua a leggere su Green Planner Magazine